skip to Main Content
Il Maestro Di Tantra

Il Maestro di Tantra

“…Qual è, allora, la caratteristica che dovrebbe avere il Maestro ideale di Tantra? 

Da cosa si può giudicare un buon maestro in questo contesto?

La caratteristica importante in realtà è

solo una. Non è la sua conoscenza intellettuale: infatti, molti maestri tantrici sono ignoranti e analfabeti; quindi, non è neanche il fatto di avere una grande conoscenza rituale: pur essendo il Tantra basato sul Rito, infatti, la propria ritualità può essere molto essenziale.

Non è neanche il suo comportamento: infatti, è tipico della tradizione tantrica il fatto che i maestri (anche e sopratutto i più realizzati) si comportino in maniera apparentemente bizzarra, stravagante, anticonvenzionale, egoica o addirittura immorale. Certamente è molto pericoloso avere a che fare con questo genere di maestri, e bisogna fare molta attenzione perché molti possono giustificare spiritualmente i propri vizi (è pericoloso sopratutto se questi danneggiano gli altri), ma il comportamento apparente, di per sé, non è il discrimine tra un buon maestro ed un cattivo maestro (bisognerà poi in caso valutare il tipo di risultati che questo comportamento porta).

Qual è, quindi, l’unica vera caratteristica del vero Maestro di Tantra? Ce lo dice chiaramente Abhinavagupta nel suo Tantraloka (Luce dei Tantra). Il Maestro di Tantra deve essere in grado di indurre una «caduta di potenza» (ovvero di shakti) sul discepolo.

Il Tantra, infatti, lavora con il Potere, che prende la forma di Divinità. Lo scopo del Maestro è mettere in connessione il Potere-Divinità con il discepolo, aprire un canale tra il primo ed il secondo, ed insegnare al discepolo come armonizzarsi, giocare ed unirsi pienamente con questo Potere.

La caduta di Potere è ciò che possiede valore iniziatico.

Da ciò si capisce che la maggior parte dei pregiudizi che l’occidentale tipico ha su come dovrebbe essere un maestro non si applicano alla spiritualità orientale in generale, e al Tantra in particolare…”

(Marco Scarinci)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top